Chiostro

 

Al presente, si allunga su quattro bracci perché, con i restauri susseguenti al terremoto del 1980, è stato costruito un braccio ex novo (quello fiancheggiante il refettorio) e un altro, scomparso a causa dei lavori di sopraedificazione del secondo piano nel 1934, è stato recuperato.